I piatti tipici del menù natalizio...

cenadinatale.jpg

Il pranzo di Natale rappresenta uno dei momenti più attesi nell’ambito delle celebrazioni delle festività. Si tratta, infatti, di un momento conviviale che coinvolge sempre più spesso anche le persone non credenti, che amano comunque ritrovarsi a tavola in un’atmosfera di serenità.

Ma quali sono i piatti tipici del pranzo di Natale?

In ordine sparso, è possibile citare tra gli altri le tagliatelle al caviale, il carpaccio al tartufo, gli agnolotti in brodo, i carciofi tutto pepe, la spuma di tonno, i tortellini al ragù, la tacchina farcita, i saltimbocca alla romana, l’insalata di formaggio, la macedonia di verdura, la crema di carote e la trota al tartufo. Come dolci, ovviamente, non possono mancare il panettone e il pandoro, diffusi soprattutto nel Nord Italia, e gli struffoli, delizia tipica della Campania.

Nell’elenco dei dolci da pranzo natalizio non possono mancare delle varianti speciali, come il panettone ripieno di frutta, il pandoro in zuppa, il panettone fritto, il tronchetto natalizio e i bignè caramellati.

Ma un vero pranzo di Natale non può fare a meno dei tortellini in brodo, piatto tipico della tradizione bolognese realizzato con pasta all’uovo fresca, tirata fino a formare uno strato molto sottile, e farcita con un ripieno che varia, non solo da regione a regione, ma da paese a paese, e addirittura da famiglia a famiglia. Indicativamente, il ripieno è comunque costituito da lombo di maiale, prosciutto crudo, mortadella, parmigiano reggiano, midollo di bue, uova e noce moscata.

Occorre precisare che, così come avviene per la cena della vigilia, anche la tradizione del pranzo di Natale varia da regione a regione, con differenze evidenti tra il Nord e il Sud Italia. In molte località, per esempio, la cena del 24 viene dedicata ai piatti di pesce, mentre il pranzo del 25 è dedicato alla carne. Il pranzo di Natale costituisce anche l’occasione per scambiare i regali con le persone che non si è riusciti a vedere la sera della vigilia.

Viene anticipato, solitamente, dalla Santa Messa del mattino. Dopo il pranzo, tradizionalmente si lascia spazio a giochi di società come tombola e Mercante in Fiera: un’occasione, insomma, per stare insieme e divertirsi.